Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Ninna Nanna’

Carissimi amici di Ancilino, nei giorni scorsi ho avuto il piacere di visitare anche se solo per 2 giorni la cittadina di Ragusa Ibla, terra natìa di mio nonno paterno mai conosciuto a causa della sua scomparsa avvenuta molto prima che nascessi. Tante volte mi ero ripromesso di andare lì, perchè sin da piccolo ero legato ai racconti che mi padre mi accennava sulla vita passata dei mie avi. Non ne parlerò adesso perchè non è per questo motivo che sto scrivendo il post, però lo collego poichè cercando dei vecchi documenti da portare con me, ne ho scovato uno molto vecchio scritto da una zia di mio padre tantissimo tempo fa. Si tratta di una ninna nanna dedicata a Gesù Bambino, trascritta da questa mia zia(anche lei morta tantissimo tempo fa) e conservata da chissà quanto tempo. Secondo mio padre, che l’ha ricevuta nel 1970, dovrebbe trattarsi una ninna nanna risalente ai primi del ‘900, copiata da questa sua zia quando era appena adolescente. Dal momento che qui da Ancilino non si scherza solamente ma si toccano anche argomenti religiosi perchè frequentati da molti credenti, volevo poter condividere con voi questo piccolo ricordo. Leggendola, non posso non immaginare la scena di una mamma di 50/60 anni fa che cerca di far dormire il proprio bimbo sussurrandogli questa dolce poesia, dentro una piccola casa scaldata dal fuoco della legna, in un letto imbottito di lana, poveri ma felici perchè un tempo la ricchezza era l’amore…

Ninna Nanna a Gesù Bambino - Maria Vittoria La Rocca

Aggiornamento: Non ho con me uno scanner, ma sono riuscito a fotografare la prima pagina della lettera!

A Gesù Bambino

Maria Virgini annacannu

a Gesuzzu figghiu so,

Ci dicia cussi cantannu:

Dormi figghiu e fa l’avò

Bedda rosa e biancu gigghiu

Fa l’avò Gesuzzu figghiu,

Chi ssu biddi sti masciddi

Ch’è amurusa sta vuccuzza

Chi ssu biunni sti capiddi

Quantu è bedda sta facciuzza

Lu miu cori pii tia spinna

Fa l’avò fammi la ninna.

Figghiu beddu picciriddu

Di stu cori ardenti natu

Veramente senti friddu

Alla mamma sta abbrazzata

Ca ti scordu a lu me pettu

Fa l’avò figghiu dilettu

Quantu t’appiriu a purtari

di riali li pasturi

Tutti a tia li vogghiu dari

Cu cchiu affetti e cu cchiu amuri

Dormi dunca dormi tu

Fa l’avò figghiu Gesù

Tu p’amuri t’hai ncarnatu

Pi li pazzi piccaturi

Ma cu tuttu l’amor ngratu

Mancu chianci lu so erruri

Iddi scialanu e tu pati

Chi su ngrati chi su ngrati

Ma figghiuzzu nun è nenti

Si nun chianci l’amo ngratu

La matruzza sulamenti

Cumpatisci lu to statu

Io pi l’autri chiancerò

Fa la ninna e fa l’avò

Picchi chianci figghiu duci

Via dicillu a la matratuzza

Fammi sentiri sta vuci

Fa parrari sta vuccuzza

Pirchi lagrimi e sogghiuzzi

Fa l’avò figghiu Gesuzzu

Via viniti ancili santi

Sinfunii beddi faciti

E cu li vostri dulci canti

E Gesuzzu addurmintati

E tu sonnu veni veni

Fa l’avò Gesù miu beni.

Scinni Scinni già lu sonnu

Doppu tantu lagrimari

Li so ucchiuzzi chiù nun ponnu

S’accumincia appinnicari

Già lu figghiu è addurmintatu

Oh! miu Diu figghiuzzu amatu

Già ti voi ori dormiri

Viu chiusu st’occhi duci

Cussi un iornu l’haiu a vidiri

Chiusi st’occhi ntra na cruci

Dormi tu ca pi mia ntantu

L’occhi abbunnanu di Chiantu

Fine

Penso che per una volta si può far a meno di parlare di cibo ed essere un pò più seri…

Buona lettura a tutti.

Read Full Post »